Vai al forum:
 
Valutazione discussione:
  • 1 voto(i) - 2 media

Web Forum 11.12.17 ore 15.00

#11
Che ci sia un coinvolgimento genico è fuor di dubbio basti pensare che solo il 25% degli esposti al fumo sviluppa BPCO. Verosimilmente differenti tratti genici ed in differenti momenti vengono attivati o soppressi il che rende decisamente complicato il quadro. Direi che al momento siamo ancora piuttosto lontani da una terapia genica sia in asma che in BPCO.

Alcuni pediatri sostengono che la BPCO nasce in età pediatrica. In realtà quello che vediamo nella vita reale, soprattuto per quanto riguarda fumo e BPCO, è che solo dopo anni di esposizione ed in soggetti predisposti si appalesa la patologia.
Asma e BPCO fino a prova contraria sono due patologie differenti. Le biopsie del bronco di un asmatico sono differenti da quelle di un BPCO. Negli studi di popolazione si è visto che, sebbene in modo decisamente inferiore rispetto alla BPCO, una quota di asmatici presenta un decadimento funzionale cioè la sua spirometria peggiora più rapidamente di quella di un soggetto non asmatico.

Se il soggetto della domanda è BPCO ritengo siano farmaci essenziali ed efficaci.
Se il soggetto della domanda è asma penso che non ci siano dubbi che l'aggiunta di un broncodilatatore allo steroide inalatorio migliora gli outcomes e consente di utilizzare dosi inferiori di ICS.
#12
Esiste certamente una sovrapposizione tra asma e BPCO, quanto è stretta la correlazione tra le due patologie? Quindi quanto è corretto affermare che l'asma evolve in BPCO nei pazienti esposti a sostanze nocive?
#13
Professore grazie per le sue risposte esaustive

Volevo chiederle in merito alla sua risposta rispetto ai dati Ims e Osmed se questi numeri sono in crescita rispetto agli anni precedenti o addirittura si nota un calo
#14
Grazie Professore. Cosa ne pensa delle correlazioni tra il livello di disfunzione e la sintomatologia dispnoica (mMRC), l'impatto (CAT) e quindi la qualità di vita (SGRQ)?
#15
Leggevo in alcuni studi che il TRPA1 è coinvolto nella componente neurogenica della risposta infiammatoria, contribuisce al danno epiteliale e ad altri fenomeni di rimodellamento tissutale. si può ipotizzare un coinvolgimento nella BPCO?
#16
Per continuare la discussione vi diamo appuntamento ai prossimi web forum. Il Prof. Braido potrà rispondere alle domande in sospeso nella prossima sessione.

- Merqurio Editore -



Vai al forum: