Vai al forum:
 
Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media

Web Forum 06.12.17 ore 17.00

#11
Una riduzione dei livelli di beta-defensina 2 Sembra essere il fattore responsabile della insorgenza di BPCO in soggetti fumatori.
quali sono i meccanismi immunitari che si vengono a creare?
#12
Ha dati recenti sulla prevalenza uomo-donna per i pazienti BPCO? Grazie
#13
#11 Innanzitutto mi scuso per il ritardo nella risposta ma non avevo ricaricato la pagina web Smile
La scoperta del ruolo della beta-difensiva aggiunge un capitolo importante nei meccanismi molecolari alla base della BPCO. La riduzione dei livelli di tale molecola da l'avvio all'azione dannosa della flogosi sulla struttura delle vie aeree. Ciò spiega soprattutto perché l'esposizione al fumo possa causare la malattia in misura variabile nei diversi soggetti. Se da un lato l'esposizione al fumo è il fattore causale scatenante, dall'altro la riduzione dei meccanismi di difesa promuove il danno.
#14
Secondo lei perchè la BPCO è in aumento in cos' tanti Paesi?
#15
#12 La prevalenza della BPCO è ancora maggiore negli uomini rispetto alle donne ma la differenza tende sempre più ad assottigliarsi, in virtù principalmente degli effetti della prolungata esposizione al fumo di sigaretta anche nel sesso femminile. Studi recenti sembrano suggerire una maggiore suscettibilità del polmone della donna agli effetti deleteri del fumo di sigaretta. Tuttavia, se entrino in gioco fattori ormonali o specifici pattern infiammatori è oggetto di studio.
#16
Grazie per sua risposta molto esaustiva #13

Pensa che i recettori vanilloidi possano avere un ruolo nella componente neurogenica della BPCO?
#17
#14 L'aumento della prevalenza ha diverse cause; in primo luogo certamente gli effetti dell'esposizione al fumo di sigaretta soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Occorre inoltre sottolineare l'inquinamento indoor (caldaie, cucine a gas) o in alcuni ambienti, prodotti di combustione.

#16 domanda estremamente interessante. I recettori vanilloidi entrano in gioco soprattutto nei meccanismi della tosse ma possono stimolare la flogosi e quindi rendere conto della componente neurogenica. Questo campo è in gran parte inesplorato ma la mia sensazione è che sempre più prenderà campo. A mia memoria esiste uno studio recente di ablazione della componente neuronale nelle vie aeree con miglioramento del quadro clinico. Per certi versi quanto si sta osservando con la termoplastica bronchiale nell'asma, al di là della semplice riduzione della quota di muscolo liscio. Campo affascinante!
#18
Per continuare la discussione vi diamo appuntamento ai prossimi web forum
- Merqurio Editore -



Vai al forum: