Vai al forum:
 
Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media

Web forum del 07.12.17 ore 14:30

#11
Dottor Braido,

Io vorrei chiederle nella sua esperienza clinica con quali device si osserva la migliore aderenza terapeutica
#12
I dati dell'EMBARC evidenziano che  la prevalenza in EUROPA varia dal 5 al 10% e che da l5 al 50% di questi pazienti presenta anche bronchiectasie. Nel 2007 si stimava che al mondo ci fossero 210 milioni di pazienti con BPCO.

Aderenza e Device. Non credo sia possibile indicare un device. La risposta più coerente è: la maggiore aderenza si ha quando il farmaco scelto dal medico induce nel paziente un cambiamento percepibile dal paziente stesso e viene somministrato attraverso un device che il paziente è in grado di utilizzare agevolmente e gli garantisce di avere la certezza di aver assunto il farmaco


Allegati
.pptx   prevalence COPD.pptx (Dimensione: 1.39 MB / Download: 4)
#13
Come potremmo migliorare la qualità di vita di pazienti sottoposti a ossigenoterapia a lungo termine?
#14
Tecnica molto interessante. E' una sorta di minidialisi attraverso un vaso di discrete dimensioni ( femorale). Può essere utile in vari setting (ad es in aggiunta alla Ventilazione non invasiva e prima dell'intubazione e ventilazione invasiva). <Le prime esperienze in terapia intensiva ( se ha voglia legga il lavoro di Stefano NAVA). Come tutte le tecniche credo che progressivamente la tecnologia consentirà di attuarla anche in degenza ordinaria.

Facendo l'ossigenoterapia titolata cioè cognurare l'erogazione dell'ossigeno alla simultanea valutazione della saturazione in modo da mantenere costante nei diversi momenti della vita i valori ottimali di ossigeno ( nel bpco 92% circa). Stumento esistente ma non così facile da ottenere ed utilizzare.
#15
Per continuare la discussione vi diamo appuntamento ai prossimi web forum
- Merqurio Editore -



Vai al forum: