Vai al forum:
 
Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media

Web Forum 30.11.17 ore 15.00

#11
Dottore,
I differenti fenotipi biologici delle riacutizzazioni si manifestano con prevalenza diversa tra i due sessi?
#12
Soltanto la metà dei malati COPD viene diagnosticato, spesso con grave ritardo. Ha suggerimenti per arrivare ad una diagnosi precoce?
#13
#domanda stimolante!
La BPCO è tradizionalmente malattia del sesso maschile ma in costante aumento nelle donne. Le riacutizzazioni hanno determinanti biologici oltre che clinici, e questi sono indipendenti dal genere. In realtà, il fenotipo "femminile" di BPCO presenta un pattern di comorbidità, una suscettibilità al fumo e alla risposta alla terapia, caratteristiche anatomiche e ormonali certamente diverse dall'uomo. Quanto questi fattori influenzino la biologia delle riacutizzazioni è oggetto di studio e di interesse.

#12
Solo una stretta collaborazione tra medicina del territorio e specialisti pneumologi. Atteggiamento "proattivo" da parte del medico di medicina generale che intercetta i pazienti a rischio, esempio fumatori con pochi sintomi, e percorsi facilitati per accesso allo specialista per valutazione funzionale di primo livello.
#14
Secondo lei come si può migliorare la qualità di vita dei pazienti in ossigenoterapia a lungo termine? considerando anche il disagio e le difficoltà nei rapporti interpersonali?
#15
Spesso il decadimento della funzione polmonare ha un impatto sull’umore, sulle aspettative e qualità di vita e sul sonno.
Sono note interazioni tra ansiolitici e LABA/LAMA o tripla associazione?
#16
#14
Giusta osservazione. Da non sottovalutare il ruolo dei caregivers (parenti, badanti) nell'assistere e stimolare il paziente. Il suggerimento è di promuovere anche in modiche quantità l'esercizio fisico. Un recentissimo lavoro di Ambrosino revisiona l'utilizzo della NIV durante riabilitazione respiratoria. Ovviamente sfatare il tabù che l'ossigenoterapia sostituisca qualunque trattamento farmacologico. L'alleanza tra terapia inalatoria ottimizzata, l'ossigenoterapia e l'esercizio fisico può migliorare la qualità di vita, spezzando il circolo vizioso della sedentarietà e dell'isolamento sociale.
#17
Grazie della sua risposta Professore. Il lavoro di Ambrosino in effetti offre notevoli spunti interessanti. Approfondirò sicuramente
#18
Dottore nella sua presentazione lei evidenzia che la triplice associazione in formulazione extra-fine ha un elevato grado di efficacia tanto da poter essere considerata una svolta terapeutica. Il profilo della safety e della tollerabilità è migliore?
#19
#18
Certamente non è peggiore. I dati recenti sulle formulazioni della triplice extra fine sembrano sconfessare il rischio di polmonite come mostrato in passato con ICS/LABA. Gli effetti collaterali minori sono di fatto trascurabili. MI sentirei con i dati attualmente disponibili di rassicurare sulla safety della triplice extra fine.

#18


Allegati
.pdf   Triple.pdf (Dimensione: 474.99 KB / Download: 4)
#20
Buonasera a tutti



Vai al forum: